umbria in 4 giorni

Visitare l’Umbria in 4 giorni: l’itinerario con le bellezze da non perdere

orn-1
04.09.2019

Visitare l’Umbria in 4 giorni è possibile? Certamente no, visti i tantissimi luoghi di interesse e le attrazioni che questa regione ha da offrire. Se tuttavia il tempo che si ha a disposizione è solo quello di un fine settimana lungo, ecco un itinerario con i luoghi che meritano assolutamente una visita.

Giorno 1: Lago Trasimeno – Perugia

Partiamo dal Lago Trasimeno, il più esteso dell’Italia centrale e il quarto per superficie in Italia. Vanta una grande ricchezza in termini di flora e fauna e offre paesaggi stupendi. Questo specchio d’acqua è incastonato tra deliziosi borghi estremamente caratteristici e molto vivaci. Tra questi in particolare Passignano, Castiglione del Lago, Magione, San Feliciano e Monte del Lago. Un tour in barca può essere inoltre un’esperienza molto interessante per scoprire le tre isole, Maggiore, Minore e Polvese. Un veloce pranzo – di pesce di lago ovviamente – e poi via verso la meta pomeridiana. La città che fa da Capoluogo di regione vanta anche uno dei territori più ricchi di bellezze monumentali. Per questo, per un viaggio di quattro giorni alla scoperta dell’Umbria, il consiglio è di fare assolutamente una tappa a Perugia. Il suo centro storico è in grado di stupire per la sua bellezza e, in particolare, da visitare assolutamente sono la Rocca Paolina, Piazza Italia e i Giardini Carducci, Corso Vannucci e Piazza IV Novembre con la maestosa Fontana Maggiore e la Cattedrale di San Lorenzo. Per gli appassionati di arte c’è inoltre la Galleria Nazionale dell’Umbria e non si può ripartire da Perugia senza aver visto anche Piazza Morlacchi, l’acquedotto medioevale con le sue adorabili scalette e l’Arco Etrusco. I Giardini del Frontone possono essere la location ideale per qualche minuto di relax al tramonto, immersi nel verde di un parco meraviglioso.

Giorno 2: Todi – Orvieto

Per il secondo giorno ci spostiamo verso il centro della regione e raggiungiamo Todi, un vero gioiello per storia, architettura, paesaggi, cultura. È tra l’altro la città del poeta Jacopone ed è nota anche per essere stata definita da un celebre studio americano “città ideale” o “la città più vivibile del mondo”. Qui da vedere assolutamente sono il Tempio della Consolazione, Piazza del Popolo con il Duomo e i Palazzi Comunali, Piazza Garibaldi, le cisterne romane e la chiesa di San Fortunato con l’affaccio mozzafiato dal suo campanile. Per il pomeriggio ci spostiamo a Orvieto, altra città antica e preziosa. Arroccata su una rupe è famosa soprattutto per il Duomo che, da solo, meriterebbe una visita di diverse ore. Molto interessante è certamente anche la città sotterranea fatta di cunicoli e pozzi: particolarmente celebre è il Pozzo di San Patrizio, straordinaria opera di ingegneria civile.

Giorno 3: Cascata delle Marmore – Valnerina

Dopo tanti monumenti, arte e architettura, perché non dedicare il nostro terzo giorno in Umbria alle sue incredibili attrazioni naturalistiche? Tra queste spicca senza dubbio la Cascata delle Marmore: tra le più alte d’Europa è caratterizzata da tre salti per un dislivello complessivo di 165 metri. È visitabile attraverso sei diversi sentieri e può essere ammirata più da vicino dal Belvedere Inferiore e dal Belvedere Superiore. La Cascata delle Marmore è inserita nel Parco fluviale del Nera e si trova in Valnerina, zona montuosa attraversata dal fiume Nera e costellata di abbazie e monasteri, boschi e piccoli borghi. Di grande interesse in quest’area sono le città di Cascia e Norcia, quest’ultima con la sua Piana di Castelluccio conosciuta in particolare per la spettacolare fioritura che è possibile ammirare tra i mesi di giugno e luglio. Bellezze e attrazioni quindi non mancano davvero per impiegare un’intera giornata in questa sorprendente porzione di Umbria.

Giorno 4: Spoleto – Assisi

Spoleto, con tutto il suo territorio, è ricchissimo di monumenti e luoghi di interesse. Il quarto e ultimo giorno di visita in Umbria può iniziare quindi proprio da questa straordinaria città, famosa anche per il Festival dei Due Mondi. Qui è indispensabile visitare almeno la Rocca Albornoziana, il Ponte delle Torri e la Cattedrale di Santa Maria Assunta. E per concludere da Spoleto ci spostiamo ad Assisi, altra perla della regione, con la sua Basilica di San Francesco e quella di Santa Chiara, con la grande Basilica di Santa Maria degli Angeli che accoglie e protegge la Porziuncola, cuore del Francescanesimo, con i suoi palazzi storici e con l’imponente e bellissima Rocca Maggiore.

 

orn-1

Contattaci per maggiori informazioni

keyboard_arrow_left

Hotel Fonte Cesia

keyboard_arrow_right
Hotel Fonte Cesia
menu
phone